Adrilog, bilancio approvato all’unanimità: +10% rispetto al 2021

Adrilog, bilancio approvato all’unanimità: +10% rispetto al 2021

Adrilog, bilancio approvato all’unanimità: +10% rispetto al 2021 2500 1875 Adrilog

Approvato all’unanimità il bilancio 2022 di Adrilog: il documento finanziario evidenzia una gestione sana, sostenibile e tendente costantemente alla crescita anche a livello nazionale.

Sabato 17 giugno a San Salvo si è svolta l’assemblea generale ordinaria, cui hanno partecipato i delegati provenienti da tutta la penisola. L’importante appuntamento è stato preceduto dalle assemblee separate, che hanno coinvolto i soci di tutta Italia: un “tour” iniziato il 9 Giugno a San Salvo e proseguito il 12 Giugno a Siena e Bologna, il 13 a Monsampolo del Tronto e Popoli e il 15 a Soleto. Nelle assemblee separate i soci hanno approvato il bilancio 2022, il rinnovo delle cariche del Consiglio di Amministrazione e scelto i delegati che hanno partecipato all’assemblea generale di sabato 17 giugno.

Il rendiconto fa registrare un trend positivo, risultato tutt’altro che scontato nell’attuale situazione socioeconomica, che Adrilog ha saputo affrontare, gestire e superare chiudendo l’anno finanziario con numeri nettamente positivi. Li ha illustrati all’assemblea il presidente della cooperativa, Luca Mazzali. Adrilog nel 2022 ha fatturato 74,7 milioni di euro, con una crescita del 45% nell’ultimo mandato 2019-2022. La cooperativa conta 1138 lavoratori, di cui 781 soci, e riesce a gestire oltre 20 appalti in tutta Italia, dalla Lombardia alla Puglia. Il parco automezzi consta di 105 unità, cui vanno aggiunti mediamente 180 veicoli terzi utilizzati giornalmente. Nella movimentazione interna ai magazzini, estesi complessivamente più di 300mila metri quadri, sono impegnati oltre 600 mezzi.

Nel 2022 Adrilog si è trasformata in Cooperativa Benefit, uno sviluppo naturale nell’ottica di una sempre maggiore attenzione nei confronti dei soci e del territorio, ma anche dell’ambiente, visto che tutti i veicoli dell’azienda appartengono alla classe “Euro 6” e oltre 350 mezzi di movimentazione sono alimentati a ioni di litio.

Nell’assemblea di sabato 17 Giugno è stato presentato e approvato dai delegati il nuovo CdA. Ne fanno parte Luca Mazzali (presidente), Giuseppe Falcucci (vicepresidente), Marco Gasbarro, Fabrizio Greco, Fabiola Baranello, Giorgio Acquarola, Enrico Calabrese, Ilenia Pascucci e Guido Caselli

Dai numeri traspare una crescita sana e sostenibile”, dichiara il presidente, Luca Mazzali. “Per l’ennesimo anno, Adrilog continua a crescere in termini di fatturato ma, cosa più importante, continua a patrimonializzarsi, quindi aumenta la propria capacità di investimento, di crescita e aumenta il proprio patrimonio netto. Un risultato eccezionale in un anno come il 2022, che arrivava dopo la pandemia e con lo scoppio della guerra, cui ha fatto seguito l’aumento dei costi energetici. Siamo riusciti a intervenire subito nella nostra filiera organizzativa dei costi, a rispondere e avere dei risultati assolutamente importanti, che traspaiono in questo bilancio. In coerenza con quanto fatto fin dal primo giorno, c’è la massima attenzione nei confronti dei nostri soci attraverso pratiche conformi al nostro statuto e ai nostri principi. La stessa logica ci ispira nei confronti degli enti e delle comunità con cui interagiamo, quindi è stata un’evoluzione naturale certificarci in società cooperativa benefit attraverso l’adozione di pratiche e comportamenti utili al rispetto nei confronti dell’ambiente esterno“.

 

Abbiamo visto dai risultati che il trasporto per Adrilog è diventato la parte più importante del bilancio, di cui rappresenta il 54%”, dice Giuseppe Falcucci, vicepresidente di Adrilog. “Nel 2022 abbiamo assistito a una vera a propria tempesta perfetta nel settore trasporti. Nessuno di noi si aspettava di dover fare i conti con un’impennata dei costi energetici che, nel caso del trasporto, riguarda il carburante, ma non solo: anche tutti gli aspetti legati alla garanzia degli autisti e ai loro stipendi, alla indisponibilità di mezzi di trasporto, ai tempi di consegna, all’aumento dei costi delle manutenzioni. Abbiamo dovuto lavorare molto sulla riorganizzazione: nuove funzioni, nuovi ruoli, ma soprattutto abbiamo dovuto mappare ancora una volta i nostri processi. Ci stiamo impegnando moltissimo in questo ambito con tutti i colleghi che fanno parte della struttura, quindi l’obiettivo per il 2023 è cercare di migliorarci e aumentare le performance per portare una redditività migliore nel prossimo bilancio“.

L’azienda investe anche sulla sicurezza: “Adrilog vede la formazione non come un mero adempimento normativo, questo fa sì che la cooperativa la viva in modo proattivo”, spiega Federica Iacovelli, responsabile del servizio prevenzione e protezione. “All’inizio del 2023 il presidente Mazzali e tutta la direzione hanno espresso la volontà di internalizzare la formazione. Partendo da una mappatura dei rischi presenti in magazzini e dipartimento trasporto gestito da Adrilog, i corsi di formazione sono effettuati ad hoc da personale interno specializzato, di conseguenza sono soggettivi e plasmati per la realtà aziendale. Siamo attivi su tutto il territorio nazionale, quindi si rendono necessari una sensibilizzazione e un coinvolgimento dei responsabili di magazzino e dei capiturno, che collaborano col servizio di prevenzione e protezione nei luoghi di lavoro per coinvolgere i lavoratori e garantire loro la sicurezza“.